Audarya, una storia tutta sarda

Mi imbatto per caso in questa azienda, Audarya, durante una degustazione organizzata da un’enoteca di fiducia in quel di Firenze.

Ci troviamo a Serdiana, Cagliari, area abitata sin dal Neolitico. Nel corso dei secoli ha visto il passaggio della civiltà nuragica prima, del punico poi e dopo quella romana. Dopo la dominazione vandalica e bizantina, Serdiana fece parte dei giudicati di Cagliari, nel Medioevo. Nel 1257, Serdiana passò al Giudicato di Arborea e poi alla Repubblica di Pisa nel 1297; poi divenne Aragonese nel 1323 e spagnola fino al 1720. Il centro storico conserva ancora, in effetti, un layout chiaramente di origini arabo-spagnole.
Serdiana si trova a pochi chilometri da Su Stani Saliu, sede di una ricca fauna, tra cui i famosi fenicotteri rosa, ora stabiliti a Cagliari, e una vasta popolazione di cavalieri d’Italia.

37 gli ettari di vigneto di cui 10 attorno alla cantina che sorge immersa nel verde. Un posto speciale in cui cantina, viti e cielo si sposano. Qui nascono i vini dell’azienda sarda Audarya. Tra i grandi tini in acciaio e quelli in cemento, la bottaia, la sala di imbottigliamento, tutti rigorosamente situati all’interno della stessa struttura ad un passo dai vigneti.

Audarya significa “nobiltà d’animo”, in un’antica lingua orientale. La Cantina produce vini legati al territorio, da vitigni autoctoni: prodotti moderni, diretti ad un pubblico vivace e curioso. Prodotti che guardano alla tradizione, ma con uno sguardo nuovo. A guidare l’azienda ci sono Salvatore e Nicoletta, la nuova generazione, con il fondamentale apporto dell’esperienza di papà Enrico. In pochi anni, hanno portato Audarya ad essere un brand riconosciuto e apprezzato in tutta Italia e all’estero, ambasciatore di un modo di fare il vino in Sardegna moderno e tradizionale al tempo stesso. I terreni dell’Azienda sono perlopiù calcarei, argillosi con alcune presenze di sabbie. In generale terreni molto poveri che danno origine a vini molto sapidi, dalla buona freschezza e caratterizzati da finezza olfattiva e da una beva scorrevole e profonda.

Sette le etichette in commercio, tutte monovarietali. Tre vini bianchi, tre rossi e un vino passito, da meditazione, ottenuto da uve Nasco. Io personalmente ho avuto la possibilità di assaggiare le seguenti:

  • Nuracada 2017 Isola dei Nuraghi IGT Bovale – Audarya. Uva 100% Bovale. Come riportato sul sito dell’azienda, nella zona che ospita i vigneti da cui viene ricavato questo vino, una volta sorgeva un villaggio medioevale, Nuracada. Qui è stato recuperato un antichissimo vitigno autoctono sardo, il bovale appunto. Colore rosso rubino carico. Olfatto: sentori di spezie dolci e piccoli frutti rossi che tendono alla confettura. Al gusto morbido e delicatamente tannico. Armonico.
  •  Cannonau di Sardegna DOC 2017 – Audarya. Uva Cannonau 100%. Colore: rosso rubino intenso. Olfatto: lievemente speziato con sentori di frutta rossa molto matura. Al palato strutturato, caldo e persistente
  • Monica di Sardegna DOC 2017 – Audarya. Uva Monica 100%. Colore: rosso rubino dall’unghia violacea. Olfatto: intenso con lievi note vegetali tipiche del vitigno. Gusto fresco e piacevolmente morbido, ben equilibrato.

Pubblicato da Niccolò Marco Mancini

Abruzzese classe ’91. Dottore Agronomo e Forestale formato e abilitato presso l’Università Degli Studi di Firenze. Appassionato del mondo del vino in tutti i suoi aspetti. Collabora con il sito Agraria.org e la rivista TerrAmica per la redazione di articoli divulgativi. Ormai da diversi anni giornalista freelance in eventi, fiere, anteprime, presentazioni e mostre in tutta Italia per raccontare e divulgare notizie e storie inerenti al vino, cantine, aziende e produttori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: