Un miliardo di bottiglie di vino trasformato in etanolo

Il giornale online americano Politico.eu afferma che tra i settori più colpiti dalla chiusura dei ristoranti e dei locali pubblici in Europa c’è quello vinicolo. Secondo l’Organizzazione internazionale della vigna e del vino ( organismo intergovernativo nato nel 2001 a carattere scientifico e tecnico, dalle competenze riconosciute nel campo della vigna, del vino, delle bevande a base vino, delle uve da tavola, delle uve passite e tutti gli altri prodotti derivati dalla vigna) il lockdown potrebbe potenzialmente provocare una riduzione del 35% del volume delle vendite e il dimezzamento del loro valore di mercato. I produttori avvertono che alla prossima vendemmia le loro cantine potrebbero essere troppo piene per immagazzinare la nuova annata, e chiedono all’Unione europea di finanziare il ricorso alla distillazione d’emergenza per ridurre il surplus.

Tre grandi cooperative di vignaioli italiani, spagnoli e francesi hanno scritto alla Commissione europea chiedendo di destinare 350 milioni di euro per trasformare l’equivalente di un miliardo di bottiglie di vino in etanolo (che potrebbe poi essere usato come disinfettante). Tra le altre soluzioni proposte ci sono lo stoccaggio d’emergenza e la cosiddetta vendemmia verde, cioè la raccolta e la distruzione dei grappoli non ancora maturi. Per il momento però Bruxelles rifiuta di stanziare fondi supplementari e sostiene che le misure d’emergenza dovranno essere finanziate con i fondi esistenti.

fonte: http://www.internazionale.it

Pubblicato da Niccolò Marco Mancini

Abruzzese classe ’91. Dottore Agronomo e Forestale formato e abilitato presso l’Università Degli Studi di Firenze. Appassionato del mondo del vino in tutti i suoi aspetti. Collabora con il sito Agraria.org e la rivista TerrAmica per la redazione di articoli divulgativi. Ormai da diversi anni giornalista freelance in eventi, fiere, anteprime, presentazioni e mostre in tutta Italia per raccontare e divulgare notizie e storie inerenti al vino, cantine, aziende e produttori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: